Archives

, Posted by on

Ristrutturazioni edilizie ed incentivi

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

 

Per i lavori di ristrutturazione edilizia sono previste dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi, il Dpr 917/86, delle agevolazioni fiscali consistenti in detrazioni IRPEF pari al 36% delle spese sostenute fino al raggiungimento del limite massimo di spesa di € 48.000 per unità immobiliare, che verranno ripartite in dieci quote uguali annuali.

Il Dl 83/2012 ha aumentato al 50% la detrazione e a € 96.000 il limite massimo di spesa, prorogato dalla Legge Stabilità 2015 fino al 31 dicembre 2015.

Dal 1 gennaio 2016 la detrazione tornerà al 36% con il limite di € 48.000 per unità immobiliare.

 

I soggetti che hanno diritto:

  • proprietari o nudi proprietari

  • titolari di un diritto reale di godimento

  • locatari o comodatari

  • soci di cooperative

  • imprenditori individuali

  • società di persone

I lavori detraibili:

  • interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle parti comuni degli edifici residenziali

  • interventi di manutenzione straordinaria sulle singole unità residenziali

  • interventi di restauro e di risanamento conservativo

  • interventi di ristrutturazione edilizia

  • interventi di ricostruzione o di ripristino di immobili danneggiati in caso di calamità

  • interventi per la realizzazione di garage o posti auto pertinenziali

  • interventi per l’eliminazione delle barriere architettoniche

  • interventi per mettere in sicurezza l’immobile da atti illeciti compiuti da terzi

  • interventi di cablatura degli edifici e di contenimento dell’inquinamento acustico

  • interventi di bonifica dall’amianto e di prevenzione degli infortuni domestici

 

Misure antisismiche

Fino al 31 dicembre 2015 è prevista una detrazione d’imposta pari al 65% delle spese sostenute per adottare misure antisismiche degli edifici in zone sismiche ad alta pericolosità, per un importo massimo di € 96.000.

 

Detrazioni per acquisto mobili e di grandi elettrodomestici

Il Dl 63/2013 ha introdotto una detrazione fiscale del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici nuovi di classe non inferiore alla A+ per arredare immobili sottoposti a lavori di ristrutturazione edilizia.

La Legge di Stabilità 2015 ho prorogato fino al 31 dicembre 2015 tale agevolazione.

La detrazione ammessa verrà ripartita in dieci quote annuali di uguale importo per un limite massimo di spesa pari a € 10.000.

 

IVA sulle ristrutturazioni edilizie

E’ previsto un regime agevolato IVA con applicazione di aliquota ridotta del 10 per le prestazioni di servizi relative ai lavori di ristrutturazioni edilizie e per la cessione di beni, ma, in questo ultimo caso, solo in merito a contratti di appalto ed a particolari condizioni.

 

Detrazione degli interessi passivi sui mutui

In caso di ristrutturazione e/o costruzione di casa, adibita ad abitazione principale, è ammessa la detrazione IRPEF del 19% degli interessi passivi e relativi oneri accessori pagati sui mutui ipotecari per un importo massimo annuale pari a € 2.582,28.